Chi siamo

Europa 2010 è formata da alti funzionari e ufficiali della pubblica amministrazione in servizio e in congedo, docenti universitari, sociologi, psicologi che, in un'attività di volontariato, trasfondono le loro acquisite professionalità.

L'attività di diffusione della cultura comprende anche conferenze, convegni, tavole rotonde, seminari, aperti a tutti, con l'intervento di docenti universitari italiani e stranieri, tra i più qualificati nelle tematiche individuate, esperti di istituzioni internazionali e nazionali, magistrati, alti ufficiali e dirigenti delle Forze armate e di polizia.

Il progetto culturale di Europa 2010 pone costantemente, al centro delle attività, l'attenzione alla persona umana, al rispetto dei diritti per essa universalmente riconosciuti, all'incontro tra le diverse culture per facilitarne la comprensione e conoscenza, al fine di evitare razzismi o radicalismi.

Nel settore ricerca e studio, l'associazione predispone e realizza progetti per individuare e analizzare, all'interno della società, tutti i dati necessari a comprendere le difficoltà che sussistono e si frappongono a un cammino di integrazione nella sicurezza.

Sono stati realizzati micro progetti di solidarietà per l'Albania, ed il Darfur.

Europa 2010 è formata dai Soci, dal Presidente, dal Consiglio Direttivo e dal Comitato Scientifico.


Contattaci

Europa 2010
Member of United Nations Academic Impact of New York
Centro Studi e Formazione
Ente Non Profit

Via Edoardo Amaldi, 134
00134 Roma

Sede Operativa:
Via del Serafico, 1
00142 Roma
Tel/fax: +39-0697274021
Email:


AREA STUDI PER LA PACE

Costruzione della pace, dialogo interculturale, protezione diritti umani e diritto umanitario,diplomazia preventiva, mediazione conflitti

International Institute for Training, Security and Peace in the World

Il progetto culturale dell'International Institute for Training, Security and Peace in the World è destinato ai giovani che costituiscono il futuro delle società civili, ma anche a quanti hanno già ruoli di responsabilità a vari livelli, quali gli appartenenti alla P.A. ed alle Forze armate e di polizia, gli operatori pastorali,dei media ed economici, gli appartenenti al mondo dell'associazionismo etc.

E' realizzato da Europa 2010, unitamente alla Pontificia Facoltà Teologica "San Bonaventura", Istituzione Universitaria con 800 anni di vita accademica, attraverso un'attività formativa finalizzata a contribuire alla costruzione del Nuovo Umanesimo, a dare peso e significato alla prospettiva cristiana della vita, in cui uomini e donne, siano in grado di comprendere e di influire, con mutua responsabilità e con competenze approfondite o acquisite, sui fenomeni geo-politici e socio-culturali della società globale del terzo Millennio, soprattutto in presenza di conflittualità, mancata protezione dei diritti umani, problemi ambientali o manifestazioni antisociali che turbano la pacifica convivenza.

I progetti formativi, di alta specializzazione, hanno la caratteristica di portare in aula, oltre a qualificati docenti, provenienti, in qualità di visiting professor, da università italiane e straniere, anche rappresentanti delle Istituzioni nazionali ed internazionali per realizzare il necessario collegamento tra accademia e società.

Gli studi sono integrati da Convegni, Seminari, Tavole Rotonde.

I master vengono integrati con stage applicativi, in Italia e all'estero, presso le Istituzioni che hanno tra le finalità la pace e la sicurezza nel mondo (Unione europea, NATO, Nazioni Unite, Corpo Forestale dello Stato, Corpo della Guardia Costiera etc).

Nel corso degli anni hanno frequentato le attività formative religiosi e laici studenti universitari, appartenenti alle Forze Armate e Forze di Polizia, avvocati, ingegneri, medici, psicologi e altri professionisti, operatori di settori pubblici, cooperanti internazionali, giornalisti.

Per favorire le pari opportunità di accesso alla formazione superiore, vengono erogate borse di studio, consistenti nell'esonero totale o parziale della quota di partecipazione ai master, a favore di studenti, anche stranieri regolarmente soggiornanti, meritevoli ed in condizioni di svantaggio economico.

Le attività formative congiunte hanno ricevuto il patrocinio di UNRIC, agenzia delle Nazioni Unite di Bruxelles e sono state riconosciute dall'Academic Impact delle Nazioni Unite di New York (approfondimento »), valide ai fini della diffusione della cultura nei settori della prevenzione dei conflitti, della sicurezza globale, del rispetto dei diritti umani.

AREA STUDI PER LA SICUREZZA E LA GIUSTIZIA

Antropologia, archeologia e analisi forense, vittimologia, psicologia investigativa, criminologia

Al centro degli studi e delle ricerche afferenti l'area per la sicurezza e la giustizia vengono poste le discipline antropologiche, le scienze psicologiche, mediche e sociali, per alimentare la cultura dell'interesse verso la persona umana, soprattutto di fronte ad eventi violenti, antisociali.

La formazione in tale settore è finalizzata ad evidenziare scientificamente il supporto che discipline come l'antropologia filosofica, l'antropologia e l'archeologia forensi, la criminologia, la psichiatria e la psicologia giuridica e forense possono offrire alle tecniche sempre più avanzate per la ricerca della "verità" in sede giudiziaria, per la corretta applicazione delle norme procedurali penali e per la prevenzione delle devianze nella società contemporanea.

Le discipline trattate evidenziano le risultanze degli studi internazionali più avanzati in ogni settore studiato, sempre ponendo al centro la valorizzazione della persona umana.

Il quadro giuridico per le strategie di contrasto al crimine transnazionale ha come riferimento le azioni di cooperazione nell'ambito dell'Unione Europea e le norme internazionali per la protezione dei diritti umani e per il contrasto ai reati transnazionali.

Con gli studi e le ricerche effettuate si vuole offrire una competenza specialistica a quanti operano nella società civile per evitare o far regredire i comportamenti umani che si pongono contro la pacifica ed armonica convivenza tra gli uomini.

Al centro degli studi e delle ricerche afferenti l'area per la sicurezza e la giustizia vengono poste le discipline antropologiche, le scienze psicologiche, mediche e sociali, per alimentare la cultura dell'interesse verso la persona umana, soprattutto di fronte ad eventi violenti, antisociali.

Le attività formative, in quanto rientranti nelle mission della diffusione della cultura della SICUREZZA E GIUSTIZIA sono riconosciute dall'dall'Academic Impact delle Nazioni Unite di New York (approfondimento »), Dipartimento del Segretario Generale ONU.